APPUNTI di letture e studi, per non dimenticare...

( qui l'album di FB dedicato ai miei AMICI LIBRI )

2018. Innovazione: non elencherò più solo i libri che leggo e studio, ma tutto ciò che rientra nei miei "gesti formativi"! Insomma, un diario della mia autoformazione permanente (in verde i libri, in rosso altri eventi).

EVENTI

  1. Rivista Archeologia Viva, mensile, abbonamento, stupenda! tanti stimoli!
  2. Splendida mostra alla fondazione Ligabue, Venezia Il mondo che non c'era. A gennaio, vado all'inaugurazione. Che emozione! che bello essere tra gente di cultura.
  3. A Bologna c'è ARTEFIERA e partecipo a varie mostre, sia in fiera che in centro. Bellissimo! Visito anche il FESTIVAL DEL TE dove trovo varie cose interessanti per il Giappone!
  4. Febbraio. Immersione di un week end a TOURISMA, Firenze. Meraviglioso! Vorrei non andare più via. Si respira cultura, passione, amore per il bello. Fuori... la barbarie! Tante conferenze, mostre, stand di viaggi e archeologia. Torno a casa con varie registrazioni e tanto materiale.
  5. Approfitto dell'essere a Firenze per visitare (insieme a Barbara Dell'Acqua) il Museo degli Innocenti. Commovente!
  6. continuo a frequentare il corso di didattica della storia di Daniela Ferrari (tanto brava quanto antipatica!) sulla storia antica fino all'età romana. Sette incontri, mensili.
  7. Gita con il gruppo archeologico: Museo Nazionale di Adria, importantissima città etrusca, da cui il nome del nostro mare,  e  poi Chioggia. Bei musei, molto brava la guida (oltre alla consueta Silvia Romagnoli).
  8. Frequento al venerdì per 6 incontri il corso per docenti diretto dal prof. Marco Ciardi su SCIENZA E FAKE NEWS. Lui molto bravo (storico, non scienziato).
  9. Marzo. Mostra su Kunisada a Palazzo Poggi.
  10. Marzo, mostra al museo medioevale, Bologna: "Medioevo svelato".
  11. Marzo, museo civico Bologna, mostra Ritratti di famiglia.
  12. Marzo, a Modena, bellissima la mostra MUTINA per i 2000 anni della Via Aemilia.
  13. Marzo. TRE GIORNI DI FULL IMMERSION AD ARCHEOFILM il Festival del Cinema archeologico organizzato da Archeologia Viva a Firenze. Bellissimo! Da venerdì sera a domenica sera, film eccezionali, di ogni epoca e area geografica. Mi ricarico! C'è anche la partecipazione di Angelo Castiglioni, poi il figlio di Folco Quilici, Brando, perché il festival è dedicato a lui, scomparso da pochi giorni :'(
  14. PASQUA A NAPOLI. Una marea tra musei, aree archeologiche, mostre temporanee, catacombe... Impossibile elencare tutto!
  15. Incontro a Corticella organizzato dal Comitato Salviamo il Navile. Mostra fotografica e intervento di Giampaolo Rossini, già docente di chimica ed esponente di Legambiente. Tutela delle acque, rischi, antropocene,....
  16. Aprile, con Barbara Zoli in Romagna, ponti a schiena d'asino, paesini medievali, e il museo della "cittadella ideale" Terradelsole.
  17.  Aprile, MAMBO. Mostra "Revolutija".
  18. Fine aprile / 1° maggio. Festival del cinema di Montagna a Trento. Gran quantità di documentari, mostre, musei!
  19. Maggio, GITA A VERUCCHIO al museo archeologico etrusco, organizzata dal MUV di Villanova.
  20. Maggio, camminata guidata dal WWF all'oasi di Montovolo, insieme a Barbara dell'Acqua.
  21. Giugno. Mostra sull'arte giapponese a Palazzo Albergati. Insieme a Franca Chiapello.
  22. 2 giugno, commemorazione a Palazzo Re Enzo organizzata da ANPI. Con Franca Chiapello, Elio e Paola.
  23. Diversi eventi e impegni tra Legambiente e Comitato Prati di Caprara.
  24. Faenza con Barbara Dell'Acqua, Museo della Ceramica. Poi Monte Battaglia, castello e luoghi della Resistenza.
  25. Luglio: commemorazione per Don Contiero, dedicazione del giardino in via Belmeloro. Tra gli altri, Alex Zanotelli, il vescovo Zuppi, Angelo Stefanini.
  26. Luglio-agosto: VIAGGIO IN GIAPPONE. Quantità incredibile di musei, mostre, templi, santuari, case-museo, giardini antichi.
  27. A fine agosto, mi faccio 4 bei giorni in Romagna, al mitico FESTIVAL DEI BURATTINI, a Sorrivoli, e qui, tra incontri, teatro, visite a persone interessanti, c'è sempre tanto da imparare!
  28. Inizio settembre: vado come programmato al Festival degli Spazzacamini, nella bella Val Vigezzo. Lì nuovamente visito il Museo a loro dedicato, a S.Maria Maggiore. 
  29. Settembre, Premio Saverio Tutino, all'Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano. Situazione sempre bellissima, ma negli anni sono cresciuti ancora di più. C'è l'anima, l'arte, la riflessione, la cultura, la storia, la politica, ... E con i tempi duri che corrono, c'è anche la resistenza!|
  30. Con l'inizio della scuola, seguo anche vari corsi di aggiornamento:  uno sui bambini con disturbi dell'apprendimento; uno sulla sicurezza; uno con Elena Buccoliero sull'educazione emozionale. Vado poi all'Open day del Comune di Bologna a Palazzo Re Enzo, e all'incontro organizzato da Diocesi e Provveditorato, dal titolo "è bello insegnare", all'Antoniano, gremito di gente.
  31. Fine settembre: GUBBIO. FESTIVAL DEL MEDIOEVO. Meraviglioso week end! Mostre, botteghe artigiane, libri, convegni, concerti. Mi piace molto l'intervento sulla storia/archeologia dei vichinghi. E il concerto del gruppo ENSEMBLE MICROLOGUS eccezionale https://micrologus.it/ensemble-micrologus/?lang=it e anche https://www.centrostudiadolfobroegg.it/centro-studi-europeo-di-musica-medievale-adolfo-broegg
  32. Con la scuola, un corso docenti di 3 incontri con la Fondazione Mariele Ventre, sulla direzione di cori scolastici. Carino e divertente.
  33. Novembre: un giorno a Venezia (con l'acqua alta!) alla mostra IDOLI della Fondazione Ligabue. Sempre mostre splendide. Compro il catalogo, e poi un bel libro doppio sulla storia di Venezia.
  34. Novembre: mostra a Villa dei Leoni, Mira (Venezia): LEGGERE SCRIVERE FAR DI CONTO, bella bella! E finalmente conosco l'autore, Egidio Guidolin.
  35. A Cesena, Fiera antiquariato, tanti libri e stampe antiche, insieme a Vittorio, a trovare lo stand di Ada Grilli e i suoi libri di viaggi e aurore polari.
  36. MONDO ARTIGIANO. Fiera a Milano Rho, dove c'è davvero il mondo. Vado anche alla Messa di S.Ambrogio, il 7 dicembre, per conoscere le differenze tra rito ambrosiano e romano (pensavo fossero di più).

 

 

LETTURE

  1. Rivista Archeologia Viva, mensile, abbonamento, stupenda! tanti stimoli!
  2. Primavere e autunni. Splendido racconto autobiografico, con il linguaggio del fumetto, acquistato un anno fa alla mostra sull'immigrazione cinese a Milano.
  3. Comprato il biglietto per il Giappone, comincio a leggere cose giapponesi. Un autore classico, in biblioteca: Nagai Kafu, Il giardino delle peonie. Bello. Anche se terribilmente triste/deprimente, malato di nostalgia (... come me!). Lo capisco. Vede un mondo scomparire: il Giappone tra 1800 e '900, divorato dalla "modernità". :'(
  4. Inizio a leggere la bellissima autobiografia di Luca Cavalli Sforza PERCHÉ LA SCIENZA ma devo renderlo alla Sala Borsa e non riesco a finirlo!
  5. Fritjof Capra, Il tao della fisica. Lo leggo dopo le chiacchierate con Antonio in Vietnam, sulla visione sistemica, olistica, del mondo. Quella che ci manca. E anche ripensando alla seduta di reiki con Daniela.
  6. DIVERSI LIBRI letti, in particolare nei mesi precedenti il viaggio, tra cui: GIORNI GIAPPONESI, di Angela Staude Terzani
  7. SHINRIN YOKU, di Qing Li. Sul "Bagno di foresta"
  8. E soprattutto studio STORIA DEL GIAPPONE di K.G. Henshall. Dalle origini alla contemporaneità, fatto molto molto bene.
  9. Al ritorno dal Giappone, (sentendo forse la mancanza della scuola?) mi parte "l'ormone pedagogico" e mi leggo il bellissimo libro-catalogo della mostra SCRIVERE LEGGERE FAR DI CONTO, di Egidio Guidolin, che avevo comprato allo splendido BB La Scuola, di Lusiana, Altopiano di Asiago.
  10. Finito quello, sulla stessa onda, riprendo in mano L'INTELLIGENZA EMOTIVA, pietra miliare di Daniel Gleman, comprato 3 anni fa ma mai aperto. Lo studio, lentamente.
  11. A S.Maria Maggiore, Piemonte, trovo per caso un libro "irresistibile": AUTOBIOGRAFIA DI UNA MAESTRA DI MONTAGNA, NATA NEL '900. Di Maria Bonato Calandri. Edizioni Priuli e Verlucca. Nel weekend successivo, lo leggo tutto d'un fiato. Piangendo a più riprese. Bellissimo. Gran bella persona lei. Uno spaccato di antropologia del tempo, con i racconti di tanta miseria, fatica, guerra, colonizzazione italiana...
  12. E poi riprendo in mano un libretto che avevo comprato al museo dello spazzacamino quando ci andai la prima volta, ma mai letto: COME RONDINE IO VO! La storia dei bambini spazzacamini. Piccoli rüsca. Storie terribili! mamma mia quanto soffrivano, alcuni peggio di altri, perché avevano padroni allucinanti, sadici!
  13. A Pieve, trovo un piccolo ma meraviglioso libretto: sono i DIARI DI SAVERIO TUTINO scritti negli anni in cui fece la Resistenza, in Piemonte, e poi subito dopo la fine della guerra. Riflessioni incredibili, per un ragazzo così giovane. Resto incantata.
  14. Leggo un'altra storia di vecchi maestri, un libretto che mi ha mandato in regalo Germano: FINESTRA SUL MONDO Ricordi ed esperienze di un maestro di montagna. Anche questo ambientato nelle valli piemontesi. Bello. Si prova inevitabilmente nostalgia per un mondo scomparso.
  15. In sala Borsa trovo casualmente e leggo l'autobiografia della figlia di Tolstoj, Alexandra L. Tolstaja. VITA CON MIO PADRE. Molto molto interessante. Per il pensiero di lui, per la vita quotidiana della Russia tra i due secoli, per i fatti storici attraversati. Triste storia di famiglia, con una moglie (madre di Alexandra) isterica, che lo porta alla morte.
  16. Altro libro in Sala Borsa, sempre sull'onda di Tolstoj: il carteggio tra lui e Gandhi, nel libro di Gianni Sofri "Gandhi tra oriente e ocidente" ed. Sellerio.
  17. Un'altra storia di maestre di un secolo fa. Autobiografia un po' romanzata ma comunque storia vera e molto interessante, di una giovane mandata in epoca mussoliniana in un villaggio di montagna delle "terre redente" (Tirolo) dove parlano solo tedesco e hanno in odio gli italiani. "TU NON FUGGI MAI DALLA MIA TESTA". Di Luciana Chittero Villani. La maestra era invece ELDA BOSELLI.
  18. Leggo il libro curato da Maurizio Serafini con gli scritti di Giuseppe Tucci. NON SONO UN INTELLETTUALE.

 

 2018 in ordine cronologico

  1. Rivista Archeologia Viva, mensile, abbonamento, stupenda! tanti stimoli!
  2. Primavere e autunni. Splendido racconto autobiografico, con il linguaggio del fumetto, acquistato un anno fa alla mostra sull'immigrazione cinese a Milano.
  3. Splendida mostra alla fondazione Ligabue, Venezia Il mondo che non c'era. A gennaio, vado all'inaugurazione. Che emozione! che bello essere tra gente di cultura.
  4. A Bologna c'è ARTEFIERA e partecipo a varie mostre, sia in fiera che in centro. Bellissimo! Visito anche il FESTIVAL DEL TE dove trovo varie cose interessanti per il Giappone!
  5. Comprato il biglietto per il Giappone, comincio a leggere cose giapponesi. Un autore classico, in biblioteca: Nagai Kafu, Il giardino delle peonie. Bello. Anche se terribilmente triste/deprimente, malato di nostalgia (... come me!). Lo capisco. Vede un mondo scomparire: il Giappone tra 1800 e '900, divorato dalla "modernità". :'(
  6. Febbraio. Immersione di un week end a TOURISMA, Firenze. Meraviglioso! Vorrei non andare più via. Si respira cultura, passione, amore per il bello. Fuori... la barbarie! Tante conferenze, mostre, stand di viaggi e archeologia. Torno a casa con varie registrazioni e tanto materiale.
  7. Approfitto dell'essere a Firenze per visitare (insieme a Barbara Dell'Acqua) il Museo degli Innocenti. Commovente!
  8. continuo a frequentare il corso di didattica della storia di Daniela Ferrari (tanto brava quanto antipatica!) sulla storia antica fino all'età romana. Sette incontri, mensili.
  9. Inizio a leggere la bellissima autobiografia di Luca Cavalli Sforza PERCHÉ LA SCIENZA ma devo renderlo alla Sala Borsa e non riesco a finirlo!
  10. Gita con il gruppo archeologico: Museo Nazionale di Adria, importantissima città etrusca, da cui il nome del nostro mare,  e  poi Chioggia. Bei musei, molto brava la guida (oltre alla consueta Silvia Romagnoli).
  11. Frequento al venerdì per 6 incontri il corso per docenti diretto dal prof. Marco Ciardi su SCIENZA E FAKE NEWS. Lui molto bravo (storico, non scienziato).
  12. Marzo. Mostra su Kunisada a Palazzo Poggi.
  13. Marzo, mostra al museo medioevale, Bologna: "Medioevo svelato".
  14. Marzo, museo civico Bologna, mostra Ritratti di famiglia.
  15. Marzo, a Modena, bellissima la mostra MUTINA per i 2000 anni della Via Aemilia.
  16. Fritjof Capra, Il tao della fisica. Lo leggo dopo le chiacchierate con Antonio in Vietnam, sulla visione sistemica, olistica, del mondo. Quella che ci manca. E anche ripensando alla seduta di reiki con Daniela.
  17. Marzo. TRE GIORNI DI FULL IMMERSION AD ARCHEOFILM il Festival del Cinema archeologico organizzato da Archeologia Viva a Firenze. Bellissimo! Da venerdì sera a domenica sera, film eccezionali, di ogni epoca e area geografica. Mi ricarico! C'è anche la partecipazione di Angelo Castiglioni, poi il figlio di Folco Quilici, Brando, perché il festival è dedicato a lui, scomparso da pochi giorni :'(
  18. PASQUA A NAPOLI. Una marea tra musei, aree archeologiche, mostre temporanee, catacombe... Impossibile elencare tutto!
  19. Incontro a Corticella organizzato dal Comitato Salviamo il Navile. Mostra fotografica e intervento di Giampaolo Rossini, già docente di chimica ed esponente di Legambiente. Tutela delle acque, rischi, antropocene,....
  20. Aprile, con Barbara Zoli in Romagna, ponti a schiena d'asino, paesini medievali, e il museo della "cittadella ideale" Terradelsole.
  21.  Aprile, MAMBO. Mostra "Revolutija".
  22. Fine aprile / 1° maggio. Festival del cinema di Montagna a Trento. Gran quantità di documentari, mostre, musei!
  23. Maggio, GITA A VERUCCHIO al museo archeologico etrusco, organizzata dal MUV di Villanova.
  24. Maggio, camminata guidata dal WWF all'oasi di Montovolo, insieme a Barbara dell'Acqua.
  25. Giugno. Mostra sull'arte giapponese a Palazzo Albergati. Insieme a Franca Chiapello.
  26. 2 giugno, commemorazione a Palazzo Re Enzo organizzata da ANPI. Con Franca Chiapello, Elio e Paola.
  27. Diversi eventi e impegni tra Legambiente e Comitato Prati di Caprara.
  28. Faenza con Barbara Dell'Acqua, Museo della Ceramica. Poi Monte Battaglia, castello e luoghi della Resistenza.
  29. Luglio: commemorazione per Don Contiero, dedicazione del giardino in via Belmeloro. Tra gli altri, Alex Zanotelli, il vescovo Zuppi, Angelo Stefanini.
  30. DIVERSI LIBRI letti, in particolare nei mesi precedenti il viaggio, tra cui: GIORNI GIAPPONESI, di Angela Staude Terzani
  31. SHINRIN YOKU, di Qing Li. Sul "Bagno di foresta"
  32. E soprattutto studio STORIA DEL GIAPPONE di K.G. Henshall. Dalle origini alla contemporaneità, fatto molto molto bene.
  33. Luglio-agosto: VIAGGIO IN GIAPPONE. Quantità incredibile di musei, mostre, templi, santuari, case-museo, giardini antichi.
  34. Al ritorno dal Giappone, (sentendo forse la mancanza della scuola?) mi parte "l'ormone pedagogico" e mi leggo il bellissimo libro-catalogo della mostra SCRIVERE LEGGERE FAR DI CONTO, di Egidio Guidolin, che avevo comprato allo splendido BB La Scuola, di Lusiana, Altopiano di Asiago.
  35. A fine agosto, mi faccio 4 bei giorni in Romagna, al mitico FESTIVAL DEI BURATTINI, a Sorrivoli, e qui, tra incontri, teatro, visite a persone interessanti, c'è sempre tanto da imparare!
  36. Finito quello, sulla stessa onda, riprendo in mano L'INTELLIGENZA EMOTIVA, pietra miliare di Daniel Gleman, comprato 3 anni fa ma mai aperto. Lo studio, lentamente.
  37. Inizio settembre: vado come programmato al Festival degli Spazzacamini, nella bella Val Vigezzo. Lì nuovamente visito il Museo a loro dedicato, a S.Maria Maggiore. E trovo per caso un libro "irresistibile": AUTOBIOGRAFIA DI UNA MAESTRA DI MONTAGNA, NATA NEL '900. Di Maria Bonato Calandri. Edizioni Priuli e Verlucca. Nel weekend successivo, lo leggo tutto d'un fiato. Piangendo a più riprese. Bellissimo. Gran bella persona lei. Uno spaccato di antropologia del tempo, con i racconti di tanta miseria, fatica, guerra, colonizzazione italiana...
  38. E poi riprendo in mano un libretto che avevo comprato al museo dello spazzacamino quando ci andai la prima volta, ma mai letto: COME RONDINE IO VO! La storia dei bambini spazzacamini. Piccoli rüsca. Storie terribili! mamma mia quanto soffrivano, alcuni peggio di altri, perché avevano padroni allucinanti, sadici!
  39. Settembre, Premio Saverio Tutino, all'Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano. Situazione sempre bellissima, ma negli anni sono cresciuti ancora di più. C'è l'anima, l'arte, la riflessione, la cultura, la storia, la politica, ... E con i tempi duri che corrono, c'è anche la resistenza!|
  40. A Pieve, trovo un piccolo ma meraviglioso libretto: sono i DIARI DI SAVERIO TUTINO scritti negli anni in cui fece la Resistenza, in Piemonte, e poi subito dopo la fine della guerra. Riflessioni incredibili, per un ragazzo così giovane. Resto incantata.
  41. Con l'inizio della scuola, seguo anche vari corsi di aggiornamento:  uno sui bambini con disturbi dell'apprendimento; uno sulla sicurezza; uno con Elena Buccoliero sull'educazione emozionale. Vado poi all'Open day del Comune di Bologna a Palazzo Re Enzo, e all'incontro organizzato da Diocesi e Provveditorato, dal titolo "è bello insegnare", all'Antoniano, gremito di gente.
  42. Leggo un'altra storia di vecchi maestri, un libretto che mi ha mandato in regalo Germano: FINESTRA SUL MONDO Ricordi ed esperienze di un maestro di montagna. Anche questo ambientato nelle valli piemontesi. Bello. Si prova inevitabilmente nostalgia per un mondo scomparso.
  43. Fine settembre: GUBBIO. FESTIVAL DEL MEDIOEVO. Meraviglioso week end! Mostre, botteghe artigiane, libri, convegni, concerti. Mi piace molto l'intervento sulla storia/archeologia dei vichinghi. E il concerto del gruppo ENSEMBLE MICROLOGUS eccezionale https://micrologus.it/ensemble-micrologus/?lang=it e anche https://www.centrostudiadolfobroegg.it/centro-studi-europeo-di-musica-medievale-adolfo-broegg
  44. Con la scuola, un corso docenti di 3 incontri con la Fondazione Mariele Ventre, sulla direzione di cori scolastici. Carino e divertente.
  45. Novembre: un giorno a Venezia (con l'acqua alta!) alla mostra IDOLI della Fondazione Ligabue. Sempre mostre splendide. Compro il catalogo, e poi un bel libro doppio sulla storia di Venezia.
  46. In sala Borsa trovo casualmente e leggo l'autobiografia della figlia di Tolstoj, Alexandra L. Tolstaja. VITA CON MIO PADRE. Molto molto interessante. Per il pensiero di lui, per la vita quotidiana della Russia tra i due secoli, per i fatti storici attraversati. Triste storia di famiglia, con una moglie (madre di Alexandra) isterica, che lo porta alla morte.
  47. Novembre: mostra a Villa dei Leoni, Mira (Venezia): LEGGERE SCRIVERE FAR DI CONTO, bella bella! E finalmente conosco l'autore, Egidio Guidolin.
  48. A Cesena, Fiera antiquariato, tanti libri e stampe antiche, insieme a Vittorio, a trovare lo stand di Ada Grilli e i suoi libri di viaggi e aurore polari.
  49. Altro libro in Sala Borsa, sempre sull'onda di Tolstoj: il carteggio tra lui e Gandhi, nel libro di Gianni Sofri "Gandhi tra oriente e ocidente" ed. Sellerio.
  50. Un'altra storia di maestre di un secolo fa. Autobiografia un po' romanzata ma comunque storia vera e molto interessante, di una giovane mandata in epoca mussoliniana in un villaggio di montagna delle "terre redente" (Tirolo) dove parlano solo tedesco e hanno in odio gli italiani. "TU NON FUGGI MAI DALLA MIA TESTA". Di Luciana Chittero Villani. La maestra era invece ELDA BOSELLI.
  51. MONDO ARTIGIANO. Fiera a Milano Rho, dove c'è davvero il mondo. Vado anche alla Messa di S.Ambrogio, il 7 dicembre, per conoscere le differenze tra rito ambrosiano e romano (pensavo fossero di più).
  52. Leggo il libro curato da Maurizio Serafini con gli scritti di Giuseppe Tucci. NON SONO UN INTELLETTUALE.

 

2017.
  1. Filosofia/storia/nonviolenza/pacifismo: Lorenzo Guadagnucci, Era un giorno qualsiasi. Storia autobiografica della propria famiglia, con la strage di S.Anna di Stazzema.
  2. Storia/Letteratura americana: W.Faulkner (che volevo leggere da molto tempo), Luce d'agosto. Uno stile particolarissimo. Tanti, lunghissimi  flash back. Lettura non rilassante, un po' faticosa. Trama carica di violenza e sofferenza, per poi concludersi con ironia, quasi uno scherzo.
  3. Storia, leggo a più riprese il grosso tomo di Andrea Frediani: L'incredibile storia di Roma. Segreti, condottieri, personaggi, sfide e grandi battaglie. Non sono più abituata alla storia evenemenziale, e all'inizio resto un po' così, ma la scrittura è davvero avvincente, e l'autore molto bravo nel condurre il lettore a distinguere ciò che è la storia, dalle leggende metropolitane. (Non l'ho ancora finito, continuerò).
  4. Pedagogia: di Alexander Neil, I ragazzi felici di Summerhill. Pietra miliare della pedagogia antiautoritaria.
  5. Storia medievale: leggo, studio, rileggo, di Barbero - Frugoni, Medioevo. Storia di voci, racconto di immagini.
  6. Grazia Deledda, Canne al vento.
  7. Marco Bersanelli, Il grande spettacolo del cielo. Gran bel libro!!!
  8. Pedagogia: Raccontarsi a scuola.
  9. Spritirualità: Le vacche di padre Eligio. Avuto per caso, in una comunità di Mondo X incontrata... per caso, mentre credevo di visitare un antico monastero in Toscana.
  10. ...
  • ... non riesco a tenere il passo di tutto ciò che leggo/studio! Non solo libri, ma tanti documentari, film, visite a musei, e materiali vari.
  • Leggo molto per prepararmi ai vari viaggi: tutta un'estate di visite archeologiche, nel centro e sud Italia, e poi Malta.
  • seguo i corsi di storia e didattica, condotti da Daniela Ferrari. Conferenze varie e visite guidate con il Gruppo archeologico bolognese (bellissime!). Mondo Longobardo a Pavia.
  • infine, ultimo viaggio dell'anno, con relativi studi e musei visitati: VIETNAM.

 

 

2016. Dopo la laurea (marzo) ... ricomincio a leggere e studiare a ruota libera!

Di tutto e di più, ma soprattutto le mie passioni: antropologia e storia.

In particolare (ma non solo) molti libri sulla storia e la preistoria d'America, in preparazione al mio lungo viaggio estivo in USA e Canada.

Inoltre: corso semestrale di inglese alla Anglo American.

 

 

2013-2015 (finendo a marzo 2016). FREQUENTO LA

LAUREA MAGISTRALE IN ANTROPOLOGIA CULTURALE

Gli esami sono 11. (La tesi in Antropologia Museale "VITE DA MUSEO" è disponibile in pdf).

Il primo esame: Antropologia politica, prof. L. Jourdan.

  1. M.Fusaschi, Rwanda. Etnografie del post-genocidio. Meltemi 2009
  2. L.Ciabarri,  Dopo lo Stato. Storia e antropologia della ricomposizione sociale in Somalia settentrionale. Franco Angeli, 2010
  3. M.Duffield, Guerre postmoderne. L'aiuto umanitario come tecnica politica di controllo. Il ponte, 2004
  4. L.Jourdan, Generazione kalashnikov. Un antropologo dentro la guerra in Congo. Laterza 2010.

Tesi di laurea in Antropologia Museale, sui Musei delle migrazioni. Con Roberta Bonetti.

  1. George W.Stocking, Gli oggetti e gli altri. Ei, 2000
  2. Emanuela Rossi, Passione da museo, Edifir 2008
  3. MUMA (Museo del Mare, Genova), Memoria e migrazioni. Catalogo del museo, due volumi.
  4. Anna Maria Pecci (a cura di), Patrimoni in migrazione. Franco Angeli, 2009
  5. Giovanni Starace, Gli oggetti e la vita
  6. ... vai altri!
2013

(Nei primi mesi dell'anno sono ancora in Angola. Non ho molto tempo per leggere, e soprattutto devo leggere/studiare cose relative al mio lavoro e al paese).

  1. Un classico della formazione antropologica: Ugo fabietti, Elementi di antropologia culturale. Bellissimo! Grande ripasso dei miei studi giovanili e universitari, nonché mio grande amore, l'antropologia appunto.
  2. Herero. Bellissimo libro fotografico del brasiliano Sergio Guerra, sulle etnie dell'Angola meridionale.
  3. Di Valentina Furlanetto, il libro-denuncia L'industria della carità. Da non perdere! ...ne ha per tutti!!!
  4. Senza figli. Di Duccio Demetrio.
  5. Camminare. Duccio Demetrio.
  6. Un pomeriggio di maggio riprendo in mano il bel libro fotografico ALTIPIANO Un posto per gli uomini. Fotografie di Enzo Rela e testi di M.Rigorni Stern, sull'Altopiano di Asiago. Un viaggio con la mente.
  7. Eugenio Riccomini. Bologna narrata. bello.

In viaggio per l'Italia e l'Europa. Più che leggere, vivo. Incontro. Visito molti musei e luoghi dello spirito.

  • 8.  Le fonti di Taizé. Meditazioni di Frère Roger. Comprato in loco.
  • 9.  Leggo/studio tutto il Pentateuco.
  • 10. Oltre la Bibbia. Storia antica di Israele. Bellissimo testo di archeologia e storia, di Mario Liverani. Prima parte: la storia vera, seconda parte: la storia inventata.
  • 11.  L'invenzione del popolo ebraico. Shlomo Sand, docente di storia a Tel Aviv. Geniale!
  • 12. La lista di Bergoglio. Come Papa Francesco ha salvato tanta gente durante la dittatura militare argentina. Di Nello Scavo, ed. Emi.
2012.

( I miei strumenti di lettura e studio sono sempre meno i libri da soli, ma sempre di più il multimediale "associato": letture scaricate da web, video, siti culturali, riviste, face book, canali tv satellitari, di paesi diversi, convegni, musei... E' fantastico quanta roba si trova in rete, legata ai propri interessi, e al frangente storico-politico. Mi ci diverto un casino! Gli scambi tra persone sono una fonte inesauribile di idee e di sapere).

  1. Istanbul magnifico libro con le fotografie della città negli anni 40-60, del fotografo turco Ara Guler. Comprato nel viaggio di Natale 2011.
  2. Lorenzo Barbera. I ministri dal cielo. I contadini del Belice raccontano. Testo comprato in novembre scorso a Gibellina, in occasione dell'assemblea Servas a Trapani, con visita ai luoghi di Danilo Dolci.
  3. Marcello Dei, La scuola in Italia. Quel che resta dopo le riforme. Il Mulino. Edizione 2007.
  4. Visito due stupende mostre a Roma e compro i rispettivi cataloghi. a) Homo sapiens. La grande storia della diversità umana. Luca Cavalli Sforza, Telmo Pievati  b) Lux in arcana. L'archivio segreto vaticano si rivela. Viste rispettivamente al Palazzo delle esposizioni e ai magnifici Musei Capitolini, dove resto per la giornata intera!
  5. Carola Susani. L'infanzia è un terremoto
  6. Per lavoro (=scuola), devo riprendere in mano studi di storia: rileggo/studio manuali (Mondo antico e medievale, ed. B.Mondadori) delle superiori. Adoro la PRE-ISTORIA, tutta!
  7. Mario Liverani. Uruk, La prima città. Laterza.
  8. Jean Bottéro. Dai sumeri ai babilonesi. I popoli della Mesopotamia. Electa/Gallimard.
  9. Comprato a Cinisi: FELICIA. Tributo alla madre di Peppino Impastato. Bello! e gran belle foto di Gabriella Ebano.
  10. Dopo la mia vacanza in Belice: Lorenzo Barbera, La diga di Roccamena. Molto bello. Praticamente un trattato di antropologia, ma con la tecnica della raccolta delle storie di vita e della pedagogia partecipativa, sulla Sicilia degli anni '50. Bellissimo il capitolo di considerazioni sulla scuola, e quello conclusivo, di analisi sociologica e  tecnica di auto-aiuto.
  11. Sempre per lavoro (=cooperazione) leggo la Biografia di Don Bosco (ed. Elledici) e opuscoli sul suo approccio pedagogico. Bello. Si entra nella difficilissima dimensione dei poveri italiani di inizio '800: Rivoluzione, Napoleone, controrivoluzione, poi rivoluzione industriale, e una gran massa di poveri contadini, di ogni età, anche bambini soli, che si riversano nelle strade a gonfiare le città, in cerca di vita migliore.
  12. A Luanda, incontro con Pepetela di presentazione del suo libro: La generazione dell'utopia. Stupendo. Diviso in 4 capitoli. 1) La Casa. Ovvero la Casa dello studente a Lisbona, 1961. Centro degli scambi e del pensiero politico degli studenti africani dell'epoca, in pieno fermento. 2) La chana. (la savana). 1972. In piena guerra per l'indipendenza dalla colonia, sul fronte est del paese. Già emergono le disillusioni, le corruzioni. 3) Il polpo. 1982. Il disincanto di uno dei protagonisti, che si eclissa in un autoesilio. 4) Il tempio. 1991. Dopo l'indipendenza, il naufragio della pace prima, e delle speranze poi, con la mediocrità dei nuovi potenti. E pur tuttavia, la speranza, la scelta (del protagonista positivo, Annìbal) di stare dalla parte dei poveri. Bella Prefazione di Romano Prodi. Edizioni Diabasis, 2009.
  13. Maria Cristina Ercolessi: L'Angola indipendente. Carocci, 2009. La lunga storia della colonizzazione portoghese, con la dittatura di Salazar e le leggi sugli "assimilati" (= differenza tra civili e indigeni). Le lunghe guerre di liberazione poi quelle interne, fino alla pacificazione e alle votazioni del 2008. Un paese svuotato dai portoghesi in fuga, che si ritrova senza quadri dirigenti, a fare i conti con la devastante politica americana (Reagan) e di Botha. Nel quadro della guerra fredda e dell'apartheid sudafricano. Una povertà infinita, e il petrolio come nuova unica "monocoltura". La corruzione, le spese per le infrastrutture, il dominio cinese.
  14. José Luandino Vieira. Luuanda. Feltrinelli '90. (ed orig. 1964).
  15. Mariapia Bonanate. Suore. ed. Paoline. Molto bello! I racconti di Mariapia... mi hanno aperto un mondo. Anzi: diversi mondi. Stupende le storie che racconta, di donne che hanno fatto scelte così forti, estreme: nell'azione e nella mistica, nell'eremitaggio, o nella ricerca scientifica e razionalistica, come l'ultima storia, della teologa Cristiana Dobner, autrice fra l'altro di libri su Etty Hillesum.
  16. Il baule dello scriba. In dialogo con la comunità del Vangelo di Matteo. Marcelo Barros. Emi
  17. (da qui alla 23, letture in Angola). Alfredo Tagliavia, ed Emi: L'eredità di Paulo Freire
  18. Maria Stela S.Graciani Pedagogia social de rua. Cortez editora, Sao Paulo
  19. pe. Raul Ruiz De Asua Altuna Cultura traditional bantu. ed. Paulinas, Luanda
  20. Padre Basilio Tchikale, Sabedoria popular dos ovimbundu. Kilombelombe, Luanda
  21. Etty Hillesum, Diario 1941-1943. Adelphi. Semplicemente meraviglioso.
  22. (a Luena) Nandino Capovilla e Betta Tusset Nei sandali degli ultimi. In Terra Santa con Etty Hillesum.
  23. Fine anno: dall'Angola - dove lavoro - viaggio in Sudafrica. Leggo varie cose sul paese, e lì... compro libri stupendi sulle etnie sudafricane, e sulla storia dell'Apartheid.
2011.
  1. Leggo cose qua e là, faccio molte ricerche sul web, che è pure bello. Riprendo in mano la Storia del Blues, ipotizzando un viaggio sul Mississippi, ma anche Storia antica e preistoria.  Visito vari "musei dell'uomo" (in Puglia, in Abruzzo, a Madrid). Leggo cose sul Montana, dove forse andrò, e le riserve indiane,... Vorrei studiare una marea di cose, e iscrivermi alla 3a laurea (in antropologia) !
  2. Michela Murgia (di cui ho già letto l'Accabadora). Viaggio in Sardegna. Undici percorsi nell'isola che non si vede. Einaudi. Molto bello! Fantastica analisi storica, politica, antropologica, della sua terra. 
  3. Vari testi di preistoria, per adulti e bambini.
  4. Margaret Ehrenberg. La donna nella preistoria. Mondadori. Interessante approccio. 
  5. Jacques Légeret. Amish. Una comunità "fuori dal tempo". Claudiana. Mi fa venire ancora più voglia di conoscerli!
  6. Riprendo una lontana, cara conoscenza: Alex Langer. Con il suo Viaggiatore leggero. Ma è una lettura faticosa, che mi fa star male, per come sono andate le cose: nel mondo, e nella sua vita in particolare. Devo leggere a piccolissime dosi, e poi sospendere. 
  7. Viaggiavamo sulla terra leggeri. (non riesco andare oltre le 30 pagine!)
  8. Giuseppe De Lorenzo (socio servas). Quelli del quartiere Avignone. Mi piace un casino. Romanzo storico ambientato nella Messina di fine '800. Quartiere in cui si è svolta tra l'altro l'epopea di don Annibale Maria Di Francia, proclamato Santo nel 2004.
  9. Maurizio Maggiani: Quello che ancora vive. (Edizioni Coop per i 150 anni d'Italia) molto bello. Un ligure che racconta la Padana, e la storia della "Trafila", per portare Garibaldi a salvamento. Link: http://www.capannogaribaldi.ra.it/index.htm dove comincia la Trafila; Il Museo don Giovanni Verità a Modigliana
  10. (Settembre). Francesco Salvarani: Edith Stein, La grande figlia di Israele, della Chiesa, del Carmelo. Ed. Ares. Bello! Mi fa venire una gran voglia di vedere la Polonia, e in particolare le città di Edith.
  11. Teresa D'Avila, Libro della mia vita.
  12. (Novembre) Relazioni varie al Convegno per i 50 anni dell'Aifo, a Rimini, dal titolo Esperienze di speranza. Molto bella in particolare quella di Francesco Colizzi.
  13. Orhan Pamuk, Istanbul. Letture in previsione del viaggio di fine anno! :)  Molto interessante, anche se un po' pesante, bello nel complesso. Autobiografia con intense descrizioni della città e della sua storia. Tutto il libro parla della tristezza di Istanbul, che secondo Pamuk data dalla fine dell'impero ottomano e della sua civiltà.
  14. Irfan Orga. Una famiglia turca. Splendida autobiografia, del 1950. Orga è nato nel 1908 e morto nel '70. Figlio di una ricca famiglia di Istanbul, da piccolo perde il padre nella Prima Guerra Mondiale, e la famiglia si ritrova alla fame per anni. Una storia piena di sofferenza, che descrive molto bene i passaggi storici della Turchia del '900. Il libro è completato da una postfazione del figlio di Irfan, Ates Orga, musicista e produttore. (clicca qui: http://www.istanbulrecitals.com/genel/biyografiler/bio_atesorga_en.html )
  15. Irfan Orga. Viaggio in Turchia.
  16. ...durante l'anno. diverse riviste: Archeologia Viva, Nigrizia, Azione Nonviolenta.

 

2010
  1. Blues. La musica del diavolo (...per un viaggio nel Mississipi) Lo leggo/studio in vari mesi, e mi porta a leggerne altri. (cartella Cinema e arti. Inclusi film)
  2. Alan Lomax in Salento. (comprato a Zingaria, dicembre 2009). Uno dei padri dell'etnomusicologia, che con il padre ricercatore ha raccolto i canti e le musiche del blues delle origini. Vedere: La terra del Blues,  e L'anno più felice della mia vita. Un viaggio in Italia, 1954-55.
  3. L'accabadora. Michela Murgia.(Mi mette ancora più voglia di un viaggio in Sardegna!)
  4. L'uomo che cerca parole. Mario Ghiretti, su don Tonino Melis.
  5. Mario Calabresi. La fortuna non esiste. Dal capitolo 1, la storia di Braddock e del suo sindaco: http://www.15104.cc/ il sindaco su YT video ;2 la storia del ragazzino di Kabul aiutato da Alberto Cairo;cap.4, sulla devastazione americana dopo il crollo dei mutui, vedi "foto dell'anno 2008" (sembra una scena di guerra, invece è la casa abbandonata da chi non ha pagato il mutuo, e ora vive in auto); tante storie intense sugli americani che hanno perso la casa, quelli che hanno perso il lavoro, i tanti giornali che hanno chiuso perché "ha vinto il web", la forza di Michelle Obama, sua nonna nata due volte... Bello!
  6. Terre d'avventura. Folco Quilici www.folcoquilici.com per gli appunti cliccare sul titolo.
  7. Cielo Verde. Folco Quilici (dalla sala Borsa). La storia romanzata del pilota Jimmie Angel. http://www.jimmieangel.org/home.html  Per gli appunti cliccare sul titolo.
  8. Vita sul Mississipi. Di Mark Twain, ediz orig 1885, 2005 Mattioli (preso in  sala Borsa). 
  9. Collasso. Di Jared Diamond. Bellissimo ma tosto, lo leggo a piccole dosi, mentre sono ad Haiti.
  10. Numerose letture su Haiti.
  11. Dans la maison du père. Di Yannick Lahens, scrittrice haitiana. Luglio 2010, lo compro a PaP. leggo a Léogane. Molto bello. Scritto in un francese ricco, quasi tutto al passato remoto. Percorre 50 anni di vita del paese, con la società borghese, la dipartita degli americani, i conflitti di classe e razziali (neri-meticci), i riti vudu, la voglia di libertà e la diaspora, la crescita di una bambina che vuole danzare. (PS: settembre 2010, incontro Yanick Lahens al Festival di internazionale a Ferrara) :)
2009
  1. La via dell'amore. Dalai Lama
  2. Oltre il cielo oltre la terra. Autobiografia di Jamie Zeppa in Bhutan. Splendido. Ora docente al Seneca college di Toronto. http://www.senecac.on.ca/employee_directory/search.jsp 
  3. La ragazza sull'albero. Autobiografia di Julia Butterfly Hill  Qui il filmato e il suo sito
  4. La parrucchiera di Kabul. Deborah Rodriguez su Youtube  
  5. Sono qui con te. Elena Balsamo  www.sonoquiconte.it 
  6. Testi vari sul buddismo
  7. L'anno della lepre. Arto Paasilinna (per il viaggio in Finlandia). Carino
  8. Orizzonte perduto. James Hilton. Himalaya. Noioso.
  9. Cose varie sulla Finlandia, per il viaggio
  10. Il pane di ieri. Enzo Bianchi http://www.monasterodibose.it/index.php?lang=it 
  11. Nato in un giorno azzurro. Sito di Daniel Temmet 
  12. Spingendo la notte più in là. Mario Calabresi.
  13. Christel Martin. Madre di diecimila figli. (Burundi) Bello. Filmati su you tube.
  14. La città che voleva volare. Poesie di Patrizia Tocci. L'Aquila (regalo di Silvia)

 

2008
  1. Lo Sherpa. Bellissima autobiografia del figlio di Tenzing Norgay, nepalese che per 1° salì sull'Everest. Messi filmati tra preferiti di you tube,

  2. La vita segreta delle api e L'isola degli aironi bianchi Di Monk Sue Kidd. Splendidi libri.

  3. Mille splendidi soli. Bellissimo. Stesso autore del Cacciatore di aquiloni. 

  4. di Heinrich Harrer: 7 anni in Tibet

  5.           -                   Ritorno al Tibet

  6.           -                   La mia sfida alla vita. (Bellissimi tutti).

www.silviamontevecchi.it